Bed & Breakfast La Casa di Irene a Bardi (PR)

Fin da piccola trascorro la maggior parte delle mie vacanze a Bardi, nella provincia di Parma. Da sempre apprezzo la sua bellezza, non solo per la presenza del castello, che più che castello è una fortezza, ma anche dai posti incantevoli che lo circondano. Tra le montagne dell’Appennino parmense e con il suo torrente Ceno, è sempre stata una meta affascinante e interessante da visitare. Amo l’idea di poter scegliere tra diverse attività a seconda di quello che mi sento di fare. Posso rilassarmi in fiume, in luoghi facilmente raggiungibili, oppure scegliere zone più belle, ma con un percorso più lungo e immerso nella natura. Puoi fare lunghe passegiate lungo le strade con panorami meravigliosi oppure avventurarti nei boschi o sui monti ricchi di diverse specie di piante, fiori e di elementi storici che rimandano all’antica civiltà dei Longobardi che potrete approfondire meglio partecipando a uno dei tanti percorsi escursionistici organizzati nella Val Ceno dove, guide sapienti, vi racconteranno e mostreranno tante curiosità storiche. Se ami la bici da corsa o mountain bike, hai tantissimi posti dove poter trovare pane per i tuoi denti. E non dimentichiamoci degli appassionati fungaioli che, in queste zone, quando il tempo ha dato i suoi frutti, trovano i funghi per i loro denti. Anche per gli amanti della pesca, questa zona, è un luogo perfetto per pescare e intanto godersi la tranquillità della natura.

Inoltre, per chi non lo sapesse, Bardi si trova sulla Via degli Abati, il percorso più antico e più breve rispetto la Via Francigena che passa per i monti dell’Appennino e percorre da Pavia a Lucca fino ad arrivare a Roma. Per cui, ancora oggi, i pellegrini che decidono di intraprendere questo percorso spirituale, passano dal paese di Bardi per poi dirigersi verso Monastero, vicino a Noveglia e proseguire lungo la via.

Anche per chi vuole visitare la zona e provare le sue specialità gastronimiche, a Bardi e dintorni si trovano diversi caseifici, alcuni di essi, produttori di parmigiano-reggiano bio che organizzano tour e degustazioni. Molto interessante può essere, durante un tour alla scoperta del territorio, provare i diversi ristoranti e trattorie dove potrete assaggiare la tipica torta di patate o d’erbe oppure salumi, vini e piatti con funghi, nel periodo della loro raccolta.

 

  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item

 

È proprio nel centro di questo ricco paese che, da ormai tanti anni, è nato un grazioso B&B, La Casa di Irene.
Con una splendida vista sul castello da un lato e sulla vallata dall’altro, l’appartamento offre panorami stupendi. Ma non preoccupatevi perchè Silvana, la gentilissima signora che gestisce il B&B, ve lo farà notare subito. Infatti è stata una delle prime cose che mi ha mostrato dopo che avevo appoggiato lo sguardo sulla tavola imbandita per la colazione. Da brioches a fette biscottate fino alle gallette senza glutine per i celiaci su cui spalmare una marmellata di uva fragola nostrana oppure miele della zona, formaggi, cereali da gustare con latte della Val Ceno oppure spremuta d’arancia, caffè, tè che puoi scegliere fra tantissimi aromi esposti in un’elegantissima confezione in legno o quello che più gradite. Generalmente, se gli ospiti sono italiani, o non lo specificano, viene preparata una colazione dolce. Non mi sono stupita quando Silvana mi ha fatto presente che tutti i suoi ospiti hanno lasciato dediche dove esprimevano la loro gratitudine soprattutto per la buona e abbondante colazione.

 

  • gallery-item
  • gallery-item

 

 

Mi racconta Silvana che è normale, per lei, pensare a queste forme di ospitalità che dimostra anche dal fatto che permette agli ospiti di portare via la colazione non terminata e che offre convenzioni con il bar e il ristorante del paese e, per i pellegrini che percorrono la Via degli Abati o la Via Francigena, applica uno sconto del 10% per il soggiorno nel suo B&B. Ma non solo. Per chi viaggia con bici e moto mette a disposizione il garage nel quale tenerle riparate durante la notte.

 

 


E con queste preziose informazioni, iniziamo la visita del B&B, partendo dall’accogliente sala in cui ci trovavamo. Quella, mi dice Silvana, è appunto la stanza adibita alle colazioni e ai momenti di relax dove gli ospiti si possono leggere un libro, guardare la TV o programmarsi il tour o percorso da svolgere nella giornata seguente. Anche in questo, Silvana, vi potrà aiutare, dandovi alcune informazioni riguardanti i punti di ristoro per i pellegrini che vanno in direzione Borgotaro in quanto, mi diceva, se ne trovano molto pochi. Successivamente mi mostra le tre camere da letto di cui una doppia o matrimoniale con bagno privato, la seconda, matrimoniale e, la più grande, matrimoniale con terzo letto e un balconcino con vista sulla vallata. Quest’ultime due camere hanno il bagno in comune, proprio per questo, vengono assegnate a famiglie o gruppi di amici. Tutte e tre sono molto graziose e con tutto il necessario per trascorrere un piacevole soggiorno.

 

  • gallery-item
  • gallery-item

 

Terminata la visita delle camere arriva il momento dei saluti, così, dopo aver augurato buon lavoro a Silvana che aspettava i suoi nuovi ospiti, ritorno sul viale alberato in cui si trova il B&B riscaldato dai colori dell’autunno, e seguendo il centro del paese, ritorno verso casa.

NOTA IMPORTANTE:
Il Bed & Breakfast La Casa di Irene è un AMICO DELLA VIA DEGLI ABATI

Vi consiglio di visitare i siti internet che trovate nella sezione ‘LINK UTILI’ della pagina profilo e scoprire altro ancora sulla zona o le attività che si possono svolgere nei dintorni.